Tsipras ha battuto ancora una volta la destra, e questa è  una buona notizia. Ma l’enorme astensionismo ha evidenziato la delusione conseguente alla firma del memorandum e Syriza,pur tenendo in percentuale, ha perso molti voti. I prossimi mesi saranno decisivi per verificare se il nuovo governo riuscirà  ad ottenere la riduzione e il riassestamento del debito, se riuscirà a realizzare politiche sociali a favore delle classi subalterne, nonostante la firma sul pesantissimo memorandum, oppure se Syriza verrà definitivamente “normalizzata” e resa “criticamente compatibile” con le politiche di Bruxelles.
Molto dipenderà  anche da quanto la Grecia non sarà  lasciata sola, da quanto in Spagna, ma in tutta Europa crescerà  un movimento di critica all’austerità.Se poi in Itaia si riuscisse a costruire un forza politica di sinistra quantitativamente e qulitativamente signifcatva, allora potremmo veramente dare un contributo al popolo greco senza limitarci ad essere tifosi. Ma per ora prevalgono indecenti guerre di posizione tra i vari frammenti di quello che resta della sinistra di casa nostra.

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per offrirti un migliore servizio. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi