“Le scuse e l’autocritica per quanto avvenne alla scuola Diaz, rilasciate dal poliziotto Gianpaolo Trevisi sono importanti, certo lo sarebbero state ancora di più  se fossero arrivate nell’immediatezza dei fatti o almeno durante i dieci lunghi anni del processo mentre i magistrati si scontravano con un muro di omertà.
Comunque meglio tardi che mai; è  inoltre importante che tali scuse giungano da chi ha responsabilità  nella formazione dei giovani poliziotti.
Risulta ancora più  inaccettabile il silenzio delle autorità  istituzionali, in 14 anni non una parola di scuse è  stata pronunciata verso le vittime della Diaz e di Bolzaneto da chi, alla presidenza della Repubblica e del governo, rappresenta l’intera nazione. Dopo la sentenza della corte europea tale silenzio è  indecente.
L’immediata espulsione dalla polizia dovrebbe essere invece applicata per tutti quegli appartenenti alle forze dell’ordine che in un sito web hanno inneggiato alla violenza praticata alla Diaz, le espressioni lì  contenute sono incompatibili con il giuramento di servire la Costituzione. “
Vittorio Agnoletto, già  portavoce del Genoa Social Forum nel 2001

DIAZ:A PROPOSITO DELLE DICHIARAZIONI DEI POLIZIOTTI “Le scuse e l’autocritica per quanto avvenne alla scuola Diaz, rilasciate dal poliziotto Gianpaolo Trevisi sono importanti, certo lo sarebbero state ancora di più  se fossero arrivate nell’immediatezza dei fatti o almeno durante i dieci lunghi anni del processo mentre i magistrati si scontravano con un muro di omertà.Comunque meglio tardi che mai; è  inoltre importante che tali scuse giungano da chi ha responsabilità  nella formazione dei giovani poliziotti.Risulta ancora più  inaccettabile il silenzio delle autorità  istituzionali, in 14 anni non una parola di scuse è  stata pronunciata verso le vittime della Diaz e di Bolzaneto da chi, alla presidenza della Repubblica e del governo, rappresenta l’intera nazione. Dopo la sentenza della corte europea tale silenzio è  indecente.L’immediata espulsione dalla polizia dovrebbe essere invece applicata per tutti quegli appartenenti alle forze dell’ordine che in un sito web hanno inneggiato alla violenza praticata alla Diaz, le espressioni lì  contenute sono incompatibili con il giuramento di servire la Costituzione. “Vittorio Agnoletto, già  portavoce del Genoa Social Forum nel 2001

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per offrirti un migliore servizio. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi