Leggete l’articolo qui sotto. Siamo ormai arrivati alla brevettabilità della vita. Siamo tutti merci nelle mani delle multinazionali.

Vittorio

18 dicembre 2014 dal Sole 24 Ore

La Corte di Giustizia Ue, in una sentenza, ha sancito che un ovulo umano manipolato, ma non fecondato, puo essere brevettato a fini industriali. Nella loro sentenza i giudici europei hanno stabilito che, per essere qualificato come embrione umano, un ovulo umano non fecondato deve necessariamente avere la capacita intrinseca di svilupparsi in essere umano.

Quindi, per la Corte, un ovulo attivato per partenogenesi che abbia iniziato un processo di sviluppo non va considerato come un embrione umano. La partenogenesi consiste nell’attivazione di un ovocita, in assenza di spermatozoi, attraverso un insieme di tecniche chimiche ed elettriche e l’organismo cosi creato denominato « p arte note ».

La direttiva sulla protezione giuridica delle invenzioni biotecnologiche prevede che non sono brevettabili le utilizzazioni di embrioni umani a fini industriali o commerciali. Nella sentenza “Briistle” del 18 ottobre 2011 la Corte aveva rilevato che la nozione di «embrione umano» comprendeva gli ovuli umani non fecondati indotti a dividersi e a svilupparsi attraverso partenogenesi giacche tali ovuli erano, come gli embrioni creati mediante fecondazione di un ovulo, tali da dare avvio al processo di sviluppo di un essere umano.

La High Court of Justice (Alta Corte di giustizia del Regno Unito) e stata interpellata con una controversia che vede la societa International Stem Cell Corporation (ISCO) opposta all’Ufficio britannico dei brevetti relativamente alla brevettabilita di processi di produzione che includono l’impiego di ovuli umani attivati mediante partenogenesi. Su tale questione e stato chiesto it giudizio della Corte di giustizia: se, cioe la nozione di «embrione umano», come interpretata nella sentenza Briistle, si limitasse agli organismi atti ad avviare it processo di sviluppo che conduce ad un essere umano. A tal proposito, it giudice britannico aveva spiegato che, secondo le conoscenze scientifiche attuali, organismi come quelli che sono oggetto delle domande di registrazione di brevetto non possono in nessun caso svilupparsi in essere umano.

Nella sua sentenza odierna, la Corte ha dichiarato che, per poter essere qualificato come                                                                                                                                                             «embrione umano», un ovulo umano non fecondato deve necessariamenteavere la capacita intrinseca di svilupparsi in essere umano. Di conseguenza, it solo fatto che un ovulo umano attivato per partenogenesi inizi un processo di sviluppo non 6 sufficiente per considerarlo un «embrione umano».

Per contro, nell’ipotesi in cui un simile ovulo avesse la capacita intrinseca di svilupparsi in essere umano, esso dovrebbe essere trattato allo stesso modo di un ovulo umano fecondato, in tutte le fasi del suo sviluppo. A questo riguardo, secondo i giudici della Corte Ue, spettera al giudice britannico verificare se, alla luce delle conoscenze sufficientemente comprovate e convalidate dalla scienza medica internazionale, gli organismi che sono oggetto delle domande di registrazione presentate dalla Isco abbiano o meno la capacita intrinseca di svilupparsi in essere umano.

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per offrirti un migliore servizio. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi