Uno slogan diceva :” La Costituzione nata dalla Resistenza non può essere manomessa nell’indifferenza” . Invece può . Non è ancora accaduto , ma la porta è spalancata .

L’art. 138 è stato modificato nell’indifferenza. Più estesa di quanto immaginassimo. Una vasta e convinta campagna avrebbe forse potuto raggiungere il risultato: 4 voti non sono molti, ma sono quelli che hanno permesso di raggiungere il consenso dei 2/3 del Senato e quindi modificare l’articolo 138 senza la possibilità di ricorrere al Referendum.

Neppure le associazioni, i partiti e le persone che erano in piazza il 12 ottobre hanno ritenuto di impegnarsi .

I Comitati e “Costituzionebenicomuni” han fatto ciò che potevano .

Anche a livello nazionale l’appello dei 5 della “Costituzione: la via Maestra ” non ha avuto un’articolazione sul territorio , che coinvolgesse vasta parte della popolazione.

Tuttavia mantenere le relazioni tra Comitati e quanti vedono questa battaglia come fondamentale ha avuto un suo positivo senso .

Tutto quanto accade , nel quadro politico e nel sociale ,sollecita a mantener vivo l’ impegno per la difesa e l’applicazione della Costituzione , che di per sé rappresenta un programma politico di valori e contenuti in risposta alla crisi (i temi del lavoro , dell’istruzione, della salute , delle pensioni e della povertà , della cultura e dell’ambiente ,dei diritti , delle garanzie e delle libertà) e al degrado della politica.

Costituzionebenicomuni

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per offrirti un migliore servizio. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi