Qui sotto riporto  il comunicato di Alessandra Cerioli, presidente della Lila, che ribadisce la totale estraneità dell’associazione alla vicenda e annuncia azioni giudiziarie di tutela.

Dichiarazione di estraneità ai fatti riportati dall’Espresso nell’inchiesta OffshoreLeaks

Como, 5 aprile 2013. Nei giorni scorsi siamo stati contattati dagli autori dell’inchiesta del settimanale L’Espresso, per uno scambio di informazioni su un “trust” in cui la Lila verrebbe indicata come benificiaria. Di cosa non si sa, dato che ci sarebbero, così ci è stato riferito, documenti riferiti a persone e luoghi ma non a transazioni di denaro. Transazioni che peraltro alla Lila non risultano, tantomento transazioni che facciano capo a un trust. Abbiamo da subito dichiarato la nostra totale estraneità alla vicenda.

Nell’inchiesta più vasta, portata avanti da più di 40 giornalisti di decine di Paesi, nella parte italiana si segnalava la presenza di alcuni trust, riferibili ad alcune facoltose famiglie, dei quali sarebbero state (il passato è doveroso, dato che si fa riferimento ad anni scorsi) beneficiarie alcune charities (oltre alla Lila ci sono “Unione italiana ciechi” e “Centro per il bambino maltrattato”). Perciò ci hanno chiesto un riscontro. Che è stato negativo su tutti i fronti.

La Lila non ha conti offshore e non ha rapporti con alcun trust o con le persone indicate nell’inchiesta dell’Espresso.

Vittima di una manovra le cui finalità ci sfuggono, la Lila rischia ora di finire vittima di approssimazione se non di giudizi sommari e non supportati dalla realtà dei fatti, che possono danneggiare gravemente le attività dell’associazione e dei suoi volontari.

La Lila Nazionale Onlus è una federazione che opera in assoluta legalità e trasparenza e con modalità assembleari e pubblica i suoi bilanci. Non riceve denaro dalle aziende farmaceutiche, vive di donazioni e lasciti e di 5 per mille, da parte di privati.

Il nome della Lila è coinvolto marginalmente, e anche per noi inspiegabilmente, in un’inchiesta globale di ben altra portata, e non vi sono altri riscontri, a parte una sigla scritta su un pezzo di carta di cui non conosciamo origine e destinazione, che indichino un suo coinvolgimento.

Nei giorni scorsi all’Espresso è stata recapitata la seguente nota:

La Lega Italiana per la Lotta contro l’Aids respinge fermamente, fatte le opportune verifiche, ogni ipotesi di coinvolgimento in un qualsiasi Trust. La Lila non risulta ad alcun titolo beneficiaria di qualsiasi passaggio di denaro con le persone e le sigle a noi indicate dal giornalista dell’Espresso Leo Sisti, e si riserva, ove se ne presentasse la necessità, opportune azioni legali a tutela della propria onorabilità.

_______________________________
Valentina Avon
Ufficio stampa Lila
Lega italiana per la lotta contro l’Aids
ufficiostampa@lila.it
++39 348.0183527
www.lila.it

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per offrirti un migliore servizio. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi