Colpo di scena nella votazione on-line tra i sostenitori dell’ appello “Cambiare si può”. Tra i 70 promotori iniziali dell’appello la stragrande maggioranza si era espressa contro il proseguimento del percorso per la costruzione della lista “Rivoluzione civile”, solo in 7 ci eravamo pronunciati per la prosecuzione dell’esperienza, il voto nel web ha clamorosamente ribaltato la situazione.

Nonostante la votazione abbia coinciso con gli ultimi due giorni dell’anno, hanno votato ben 6908 persone: il 64,7% per il sì, per proseguire il percorso elettorale, il 30,2% ha votato no e il 5,1% si è astenuto.

Si è trattato di una grande dimostrazione di saggezza; sulla diffusa insoddisfazione per la modalità della compilazione delle liste, ha infatti prevalso la consapevolezza dell’importanza della partita che abbiamo di fronte. come dice l’appello di “Cambiare si può”  a fronte di quello che sta accadendo nel nostro Paese “non è più possibile stare a guardare o limitarsi alla critica “.

Il risultato della votazione fornisce una grande occasione a “Rivoluzione civile” per radicarsi profondamente nei territori e nelle numerose vertenze sociali che hanno contribuito a costruire e a sostenere l’appello “Cambiare si può”; sono infatti 105 le assemblee organizzate dai sottoscrittori dell’appello in ogni provincia italiana alle quali hanno partecipato circa 15.000 persone: energie importanti da valorizzare.

Ora tocca aii sottoscrittori di Cambiare si può impegnarsi perché siano valorizzati nel programma della lista i 10 punti da noi proposti ed accettati da Ingroia e perché nella composizione delle liste vengano valorizzati territori.

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per offrirti un migliore servizio. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi