Il tasso d’occupazione femminile in Lombardia non è assolutamente in linea con il resto d’Europa. Formigoni millanta come dato importante il 57% ma non si confronta evidentemente con Paesi avanzati, coi quali una Regione come la nostra avrebbe senso che si paragonasse: in Francia le donne occupate sono il 65%, in Finlandia il 70, in Germania il 65, in Svezia il 73 e in Danimarca il 75. Non solo, in altre regioni del Nord Italia la percentuale è maggiore: In Trentino Alto Adige, Emilia e Friuli supera il 60%.Andrebbe poi analizzato il tipo di lavoro, con che contratti e in quali mansioni sono occupate le donne lombarde, con che condizioni salariali: la precarietà si abbatte soprattutto sulle donne, non è una novità, ma è un dato che il governatore non può ignorare. Formigoni si decida: settimana scorsa la Lombardia era da comparare alla Baviera per capacità produttiva, oggi invece siamo i primi solo rispetto alle altre regioni italiane. Noi chiediamo investimenti concreti sui servizi utili per migliorare le condizioni di vita delle donne e renderne possibile e più facile il lavoro, come asili nido, trasporti pubblici più efficienti e orari elastici nei posti di lavoro. Inoltre siamo l’unica forza politica ad aver chiesto il riconoscimento del lavoro domestico in termini di diritti sindacali.

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per offrirti un migliore servizio. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi