Vittorio Agnoletto, candidato presidente in Regione Lombardia per la Federazione della Sinistra, parteciperà domani, venerdì 12 marzo, a Milano, allo sciopero generale indetto dalla Cgil e al No Gelmini Day. «In Lombardia – dichiara Agnoletto – i diritti degli studenti e dei lavoratori meno garantititi sono stati dimenticati dal centrodestra. Da una parte, per quanto riguarda il diritto allo studio, si chiudono le scuole civiche e si distribuiscono soldi a pioggia alle scuole private a scapito degli istituti pubblici. I lavoratori, poi, subiscono gli effetti della crisi senza tutele adeguate: noi proponiamo il salario sociale per tutti i lavoratori, precari inclusi, che rimangono senza lavoro e ammortizzatori sociali per tutti quei lavoratori non garantiti, come le partite Iva, i collaboratori etc. Per questo domani parteciperò alla mobilitazione della Cgil, importantissima in questo momento anche per affermare che l’articolo 18 non può essere messo in discussione».

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per offrirti un migliore servizio. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi