Perché non vengono ascoltate le parole del cardinale Tettamanzi, che da mesi chiede agli amministratori di ritrovare il senso e il valore dell’accoglienza e creare politiche per l’integrazione degli immigrati? – così Vittorio Agnoletto, candidato presidente della Regione Lombardia per la Federazione della Sinistra, su via Padova e le dichiarazioni odierne di Formigoni a riguardo – Quanto alle responsabilità politiche di quanto accaduto ieri in via Padova, mi domando come possa il governatore lavarsene la mani e incolpare la sinistra: mi risulta che sia a capo della Regione da quindici anni. Esistono quartieri abbandonati al loro destino, quartieri-ghetto dove vivono i “poveri”, sia italiani che stranieri, senza servizi, né controlli e in totale assenza di progetti di mediazione culturale, ad esempio, per favorire l’integrazione. Invece la giunta regionale si è preoccupata di costruire una nuova sede della Regione, una reggia per il governatore, con tanto di eliporto, costata 500 milioni sottratti alle case popolari. Il centrodestra si assuma le sue responsabilità: governano da troppo tempo per poter scaricare le colpe su altri. Non ho ancora sentito una parola di solidarietà per i parenti e gli amici della vittima, del giovane rimasto ucciso l’altra notte: si fosse trattato di un italiano, sarebbe stata tutta un’altra storia.

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per offrirti un migliore servizio. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi