L’uscita dalla Pandemia è attesa come il ritorno alla precedente normalità. Ma questo non può  perché proprio quella normalità, quel modello di sviluppo hanno prodotto questo disastro.

Molte cose devono cambiare anche nel nostro Paese a cominciare dalla Sanità: abbiamo bisogno di un unico Servizio Sanitario Nazionale, pubblico, universale, centrato sulla medicina preventiva, sulla ricerca epidemiologica, in grado di prendersi cura dei territori e delle comunità, attraverso una  programmazione sanitaria che permetta di  valutare i risultati raggiunti,con un unico sistema di welfare integrato con la partecipazione degli enti locali.  Con al centro un’idea di salute che non sia solo assenza di malattia, ma “uno stato di totale benessere fisico, mentale e sociale”; che dovrà essere il prodotto di una collaborazione tra Servizio Sanitario, servizi di tutela ambientale e sistema formativo.

E’ necessario assumere decine di migliaia di operatori sanitari, superare il numero chiuso a medicina e nelle specialità. Necessitiamo di un’industria farmaceutica pubblica a dimensione europea, che abbia come priorità la salute collettiva. Obiettivi e urgenze ben lontane da quanto previsto dall’attuale PNRR.

L’obiettivo non può essere solo la riconquista degli spazi di democrazia preesistenti alla pandemia, ma la costruzione di nuove forme di partecipazione in grado rompere il forte intreccio di potere che è alla base dell’ulteriore crescita della povertà.

Il futuro post pandemia non è garantito per nessuno. E’ e sarà, oggetto di conflitto..

Intervento di Vittorio Agnoletto al gr delle 12,30 a Radio Popolare

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per offrirti un migliore servizio. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi