Il giudizio dell’OMS e’ netto: prima di fare la terza dose nei Paesi ricchi e’ necessario rendere disponibili i vaccini per i Paesi poveri; questo nell’interesse di tutti per evitare lo sviluppo di nuove varianti.
Ma i governi occidentali fanno orecchie da mercanti; per loro al primo posto ci sono gli interessi di Big Pharma.

Oltretutto sull’opportunita’ della terza dose il dibattito nel mondo scientifico e’ ancora tutto aperto. La FDA negli USA e’ spaccata, l’EMA sostiene che per ora sono necessari ulteriori studi. La questione e’ complessa e le domande sono ancora tante: quanto dura la risposta immunitaria alla vaccinazione e quali sono le ragioni che sembrerebbero condurre ad un suo precoce calo? Nei soggetti nei quali la risposta anticorpale diminuisce velocemente come reagisce l’immunita’ cellulare? Cala anch’essa o regge nel tempo? Che rapporto c’é tra il monitoraggio di nuove varianti gia’ in circolazione e i vaccini che verranno utilizzati? O verranno usate le scorte rimaste che magari dopo poche settimane risulteranno poco efficienti contro le nuove varianti?

Si parla di una nuova vaccinazione di massa, ma non sarebbe opportuno un approccio maggiormente individualizzato ad esempio con un test sierologico? Siamo certi che ad una persona con ancora un’alta risposta immunitaria vada comunque fatta una terza dose?
Si dice: vacciniamo prima gli immunodepressi,ma costoro non sono tutti uguali, la loro condizione puo’ richiedere interventi differenti.

Sono domande importanti. Che richiedono risposte basate su evidenze scientifiche.
Facciamo attenzione perchè ogni giorno che passa il dibattito sul Covid si trasforma sempre piu’ in un confronto tra tifoserie e questo genera confusione e puo’ condurre a scelte non meditate.
La scienza ha tempi e metodologie che devono essere rispettate.

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per offrirti un migliore servizio. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi