Negli ultimi giorni negli USA sono usciti, su importanti giornali, alcuni articoli che raccontano il dibattito che si è sviluppato nella società civile, ma anche nell’amministrazione americana, sulla possiblità di superare momentaneamente i brevetti.

“The Economic Times” ipotizza che l’amministrazione Biden potrebbe addirittura arrivare ad appoggiare la richiesta di moratoria avanzata da India e Sudafrica all’Organizzazione Mondiale del Commercio; mentre “The Washington Post” dà voce alle richieste del mondo scientifico di sottrarre a Moderna l’esclusività del brevetto, considerati i rilevanti finanziamenti ed aiuti (anche nella ricerca scientifica) che le sono arrivati da istituzioni pubbliche. Probabilmente l’amministrazione Biden non modificherà le proprie posizioni, ma il dibattito è ampio e coinvolge il mondo politico e scientifico ed è ripreso dai principali media.

In Italia i maggiori mezzi d’informazione continuano invece ad ignorare la campagna europea “Diritto alla cura. Nessun profitto sulla pandemia” con l’obiettivo di raccogliere un milione di firme per obbligare la Commissione Europea a rimettere in discussione la sua politica sui brevetti.

Qui trovate i link ai due articoli e più in basso le traduzioni, realizzate con il traduttore automatico e quindi non riviste, ma che possono essere utili per dare un’idea sufficientemente precisa del contenuto:

https://economictimes.indiatimes.com/news/economy/foreign-trade/white-house-considering-supporting-india-s-africa-move-at-wto-on-covid-vaccines-report/articleshow/81718703.cms?utm_source=contentofinterest&utm_medium=text&utm_campaign=cppst

https://www.washingtonpost.com/business/2021/03/25/moderna-vaccine-patent-nih/

Per firmare e far firmare la petizione europea:

No Profit on Pandemic
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Acconsento" nel banner"

Le traduzioni degli articoli, in automatico e quindi non riviste, ma che possono essere utili per dare un’idea sufficientemente precisa del contenuto:

Economic Times: White House considering supporting India, S Africa move at WTO on COVID vaccines: Report

Economic Times: la Casa Bianca sta valutando la possibilità di sostenere la mossa dell'India e del Sud Africa all'OMC sui vaccini COVID: rapporto

La Casa Bianca sta valutando la possibilità di sostenere una mossa dell’India e del Sud

Africa davanti all’Organizzazione mondiale del commercio in emergenza temporanea

rinuncia ad alcuni aspetti dei diritti di proprietà intellettuale attinenti al commercio

(TRIPS) in modo che una maggiore fornitura di vaccini COVID-19,

trattamento e test diagnostici possono essere prodotti a livello globale, un media

ha detto il rapporto.

Una considerazione così positiva da parte dell’amministrazione Joe Biden arriva

dopo più di 60 legislatori, per lo più progressisti, e un gran numero

di diritti e organismi farmaceutici senza scopo di lucro si sono avvicinati alla Casa Bianca

per sostenere il movimento di India e Sud Africa insieme a centinaia di

altre nazioni che si sono rivolte urgentemente all’OMC alla ricerca di a

rinuncia limitata nel tempo al contratto TRIPS.

"La Casa Bianca sta valutando se sospendere la proprietà intellettuale
protezioni per vaccini e trattamenti Covid-19, in risposta a
pressione da parte dei paesi in via di sviluppo e conseguente sostegno da parte di
legislatori progressisti, secondo tre fonti che hanno familiarità con il
importa ", ha detto la CNBC.
 
Secondo la notizia, la Casa Bianca ha convocato una riunione di
Il 22 marzo, i responsabili politici a livello di vice, ma non hanno raggiunto la finale
decisione. "Il punto di vista è" Non siamo al sicuro finché il mondo non è al sicuro ", uno
delle fonti hanno detto del sostegno dei progressisti a Capitol Hill ".
 
In una conferenza stampa all'inizio di questo mese, i membri del Congresso Rosa DeLauro, gen
Schakowsky, Earl Blumenauer, Lloyd Doggett, Adriano Espaillat e
Andy Levin ha esortato il presidente Joe Biden a sostenere un'emergenza temporanea
rinuncia all'OMC come richiesto dai paesi guidati dall'India e dal Sud
Africa.
 
I legislatori hanno detto che nei prossimi tempi più di 60 rappresentanti degli Stati Uniti
scriverebbero collettivamente a Biden per annunciare il supporto per il TRIPS
rinuncia proposta da India e Sudafrica all'OMC.
 
La rinuncia TRIPS temporanea consentirebbe a paesi e produttori di farlo
accedere direttamente e condividere le tecnologie per produrre vaccini e
terapeutiche senza causare sanzioni commerciali o internazionali
controversie, hanno detto.
Anche la presidente della Camera Nancy Pelosi ha scritto una lettera a Biden in questo
riguardo al sostegno alla causa dei membri progressisti del suo partito,
che ora godono di una notevole influenza nel Partito Democratico.
 
La CNBC ha affermato che la mossa consentirebbe ad altri paesi di replicare l'esistente
vaccini. Gli Stati Uniti hanno finora approvato tre colpi di vaccino:
uno sviluppato dalla società americana Pfizer e dalla tedesca BioNTech,
un altro prodotto dalla ditta U Moderna e il terzo da American
società Johnson & Johnson, diceva.
 
"Come parte della ricostruzione delle nostre alleanze, stiamo esplorando ogni strada verso
coordinarsi con i nostri partner globali e stanno valutando l'efficacia di
questa proposta specifica dal suo vero potenziale per salvare vite umane ", USTR
ha detto alla CNBC il portavoce Adam Hodge.
 
Le aziende farmaceutiche e le Camere di commercio statunitensi si sono opposte a qualsiasi mossa
sostenere l'India e il Sud Africa in seno all'OMC.

-----------------------------------------------------------------------------------------------------
The Washington Post 
 I sostenitori vogliono che NIH utilizzi il suo brevetto sul vaccino Moderna per spingere per l'accesso globale
L'agenzia ha la leva che potrebbe usare per richiedere a Moderna di rendere più ampiamente disponibile il suo vaccino contro il coronavirus mRNA, sostengono i gruppi

By Christopher Rowland
 March 25, 2021 at 12:00 p.m. GMT+1
  
 Quando Moderna è volata per creare un vaccino contro il coronavirus l'anno scorso, ha avuto l'aiuto dei suoi partner scientifici nel governo. In un solo fine settimana di gennaio 2020, gli scienziati del National Institutes of Health hanno progettato la molecola proteica spike di cui il vaccino di Moderna aveva bisogno per innescare una risposta immunitaria umana contro il virus.
 Un anno dopo, la collaborazione è al centro di un appello di un gruppo di difensori della salute pubblica e accademici che desiderano che il governo eserciti con la forza i diritti di brevetto sul vaccino Moderna.
 I sostenitori chiedono a NIH di negoziare in modo aggressivo con Moderna per termini di licenza di brevetto che accelererebbero le vaccinazioni nei paesi in via di sviluppo richiedendo alla società di collaborare a un piano per aumentare drasticamente la produzione e ridurre il prezzo.
 Quando si tratta di sviluppare e brevettare farmaci, il governo degli Stati Uniti non ha quasi mai giocato duro con i suoi partner nel settore privato. Un'eccezione è arrivata nel 2019, quando il Dipartimento di Giustizia ha citato in giudizio il produttore farmaceutico Gilead per violazione di brevetto sulle vendite del suo costoso farmaco Truvada come prevenzione per l'HIV, dopo un articolo sul Washington Post e un'audizione al Congresso. Quella causa è pendente.
 Ora i gruppi di difesa senza scopo di lucro PrEP4All, Public Citizen e altri sostengono che la pandemia ha presentato un altro momento che richiede un'azione del governo per garantire che un'invenzione chiave degli NIH venga sfruttata per arginare le infezioni in tutto il mondo.
"Mi sembra un'opportunità d'oro per fare ciò che è giusto", ha detto Wafaa M. El-Sadr, professore di epidemiologia e medicina alla Columbia University che guida un'iniziativa per combattere l'HIV, la tubercolosi e altre malattie all'estero ". le nostre mani collettivamente negli Stati Uniti per andare avanti in modo che questa tecnologia possa consentire ad altri di essere in grado di produrre questi vaccini a un ritmo rapido. ''
I gruppi citano il pericolo di continue epidemie di coronavirus all'estero, che probabilmente genereranno varianti che potrebbero diventare resistenti ai vaccini ovunque, anche negli Stati Uniti.
 
`` Questo è davvero un vaccino NIH / Moderna. Per i NIH non aver garantito l'accesso globale è un inosservanza del loro dovere di proteggere la salute pubblica degli Stati Uniti '', ha affermato James Krellenstein, direttore esecutivo e co-fondatore di PrEP4All, che sostiene un più ampio accesso ai farmaci per l'HIV. `` Questi brevetti riflettono una delle ultime opportunità che NIH ha di esercitare una leva. ''
Moderna ha detto che produrrà da 700 milioni a 1 miliardo di vaccini quest'anno e potenzialmente 1,4 miliardi nel 2022. Il suo ritmo per il 2021 è la metà di quello che Pfizer ha promesso di fare con il proprio vaccino a mRNA. Inoltre, mentre Pfizer ha affermato che sta vendendo il vaccino a uno sconto direttamente nei paesi più poveri, Moderna ha annunciato pochi accordi di questo tipo, secondo un progetto di monitoraggio dei vaccini della Duke University.
Moderna è stata anche criticata per non essersi ancora iscritta per fornire Covax, un programma progettato dall'Organizzazione mondiale della sanità per garantire una distribuzione più equa dei vaccini contro il coronavirus.
Moderna, che ha previsto $ 18,5 miliardi di vendite di vaccini contro il coronavirus nel 2021, non ha risposto a una richiesta di commento. Anche il braccio NIH che ha lavorato al progetto, l'Istituto nazionale di allergie e malattie infettive, non ha risposto a una richiesta di commento. I gruppi hanno inviato la loro lettera al segretario per la salute e i servizi umani Xavier Becerra, nonché al direttore dell'NIH Francis Collins e al direttore del NIAID Anthony S. Fauci.
L'anno scorso, in risposta alle domande del The Post, il NIAID ha affermato di aver adottato un approccio non esclusivo per concedere in licenza la sua proteina di picco del coronavirus a più aziende. Ha affermato che gli accordi di licenza assumono tipicamente la forma di pagamenti di royalty al governo. Il pubblico ha `` poche informazioni '' su tali accordi perché NIH rilascia solo metriche limitate sulle sue attività di licenza, ha scoperto il Government Accountability Office in un rapporto dell'anno scorso.
Monitoraggio del vaccino covid: dosi, persone vaccinate dallo stato
Le aziende produttrici di vaccini hanno optato contro i programmi di condivisione della tecnologia ospitati dall'OMS e si sono opposti alle deroghe alle tutele dei brevetti internazionali. L'industria afferma che il know-how proprietario e la proprietà intellettuale, che proteggono monopoli redditizi sui suoi prodotti, sono la spina dorsale per gli accordi di innovazione e produzione con i produttori a contratto preferiti.
 
Ma le stime attuali indicano che molti paesi nel mondo in via di sviluppo potrebbero non ricevere quantità sostanziali di vaccino contro il coronavirus fino al 2023.
La proteina spike del NIH imita il coronavirus nel corpo umano, che insegna al sistema immunitario ad attaccare il vero virus. Altre aziende hanno utilizzato il design della proteina spike di NIH nei loro vaccini contro il coronavirus, tra cui Pfizer e Johnson & Johnson.
I gruppi di interesse pubblico hanno affermato di aver individuato Moderna perché l'azienda ha un ulteriore grado di partnership con il NIAID, che aveva lavorato per diversi anni con Moderna allo sviluppo di vaccini per la sindrome respiratoria del Medio Oriente (MERS). Il NIAID ha anche condotto i primi studi clinici sul vaccino di Moderna.
Se confrontati con i vaccini Johnson & Johnson e AstraZeneca, che si basano su una tecnologia vettoriale virale più comune, i vaccini a mRNA hanno dimostrato una maggiore efficacia nel prevenire le infezioni, sebbene sia difficile confrontare accuratamente le prestazioni a causa dei diversi tempi e luoghi degli studi clinici .
l sistema mRNA può anche essere modificato più rapidamente per combattere le varianti e i tempi di produzione vengono ridotti man mano che i produttori acquisiscono esperienza. I vaccini a mRNA potrebbero andare oltre, più velocemente, verso l'eliminazione del coronavirus e la prevenzione dell'evoluzione e della diffusione di varianti resistenti.
Devono essere conservati congelati a meno-20 gradi Celsius (meno-4 Fahrenheit), che è nella gamma di un congelatore domestico standard, mentre i vaccini più tradizionali possono essere tenuti scongelati nei frigoriferi per periodi più lunghi. Ciò potrebbe rendere i colpi di mRNA meno pratici da utilizzare negli ambienti più difficili senza infrastrutture moderne.
Un altro potenziale ostacolo è la carenza di materie prime, compresi i lipidi utilizzati per racchiudere le istruzioni dell'mRNA su come produrre la proteina del coronavirus. I vaccini a mRNA non sono mai stati autorizzati o prodotti su scala industriale, quindi le aziende stanno correndo per stare al passo con la domanda.
ANNO DOMINI
I gruppi di difesa affermano che l'approvvigionamento della catena del freddo e la carenza di materie prime sono problemi superabili. Quello che vedono come un problema più grande è la mancanza di incentivi di mercato. Moderna non ha una motivazione finanziaria sufficiente per quadruplicare la capacità di produzione per raggiungere una popolazione globale, perché il mondo in via di sviluppo non può pagare abbastanza per colpo per rendere proficuo l'investimento di miliardi in attrezzature e personale addestrato, ha detto Krellenstein, soprattutto quando il successo del vaccino in due o tre anni potrebbero eliminare la necessità di più colpi.
Ecco perché è necessario un ruolo governativo interventista, per produrre direttamente vaccini o per ricorrere a produttori a contratto, hanno affermato PrEP4All e altri gruppi. PrEP4All ha pubblicato raccomandazioni per l'intervento del governo per produrre più vaccini.
`` Certamente ci sono cose che il governo può fare, richiedendo la condivisione della tecnologia, usando l'OMS per lavorare con altre organizzazioni tecnologiche in altri paesi, e può essere fatto in modo regolamentato '', ha detto Kenneth Mayer, una malattia infettiva e Specialista in HIV al Beth Israel Deaconess Medical Center di Boston e professore alla Harvard Medical School.
 
 
  
   

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per offrirti un migliore servizio. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi