Le multinazionali del farmaco prima ci “spolpano” e poi ci deridono. “Il nostro (vaccino) non basta. L’Ue pensava ne sarebbero arrivati altri e non ha ordinato abbastanza dosi” ha dichiarato, a Der Spiegel, Ugur Sahin, amministratore delegato diBiontech partner della Pfizer nella produzione dell’unico vaccino per ora sul mercato. Un modo neanche tanto elegante per dire ai Pesi europei: dovevate scommettere di più su di noi, dovevate e dovete sborsare ulteriori milioni. E i Paesi europei ora apriranno le loro borse, gareggeranno fra loro e riempiranno ulteriormente di soldi la multinazionale.

Tutto questo non era inevitabile.

Sarebbe stato sufficiente che i nostri Paesi avessero appoggiato la richiesta di India e Sudafrica per una moratoria sui brevetti nel periodo della pandemia. Ma le nazioni europee, così come gli USA, hanno lasciato che tale proposta cadesse nel vuoto e ora quelle stesse aziende che loro hanno protetto gli (ma sarebbe più corretto dire “ci) presentano il conto.

Sintesi: noi ci abbiamo rimesso un sacco di soldi e ora, con un numero insufficiente di vaccini, rischiamo la salute; loro realizzano guadagni stratosferici e si fanno quattro risate su di noi.

Firma:

www.noprofitonpandemic.eu/it

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per offrirti un migliore servizio. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi