“Diritto alla Cura. #Right2cure. Nessun profitto sulla pandemia” è una campagna europea lanciata lunedì 30 novembre L’obiettivo è quello di rendere accessibili a tutti i farmaci e i vaccini, ad iniziare da quelli per il Covid, cominciando con limitare il ruolo dei brevetti nell’UE e nei rapporti tra UE e i Paesi terzi.

La campagna utilizzà lo strumento dell’ICE, l’Iniziativa dei Cittadini Europei; è il modo diretto per proporre una modifica legislativa concreta alla Commissione Europea. Una volta che la raccolta di firme avrà raggiunto 1 milione, la Commissione sarà obbligata a prendere un’iniziativa in materia. Firmare è semplice, rapido ed è sufficiente avere la carta d’identità, questo è il link per la firma:

www.noprofitonpandemic.eu

Il mio articolo nel quale illustro l’importanza della campagna; al termine dell’articolo si può firmare la petizione:

https://www.ilfattoquotidiano.it/2020/12/01/dallaids-al-covid-niente-speculazioni-vaccini-e-farmaci-devono-essere-accessibili-a-tutti/6021290/

Il lancio della campagna è avvenuto contemporaneamente in tutta Europa il 30 novembre, per costruire un collegamento con la giornata mondiale sull’AIDS del 1° dicembre, ricordando l’impegno di tanti, tra i quali Mandela, per ottenere l’accesso ai farmaci anti HIV. Abbiamo 1 anno per raccogliere 1 milione di firme (online, ma è possibile raccoglierle anche su moduli cartacei) nei 27 stati membri europei.

A questo link potete trovare una sintesi in italiano del Progetto

https://europa.eu/citizens-initiative/initiatives/details/2020/000005_it

Dal sito ufficiale: Quali sono le richieste della campagna?

 Visto il Trattato sul funzionamento dell’Unione europea ed in particolare gli articoli 114, 118 e 168 della stessa, chiediamo alla Commissione Europea di proporre tutta la legislazione necessaria per:

● garantire che i diritti di proprietà intellettuale, inclusi i brevetti, non ostacolino l’accessibilità o disponibilità di qualsiasi futuro vaccino o trattamento Covid-19;

● garantire che la legislazione dell’UE sui dati e l’esclusività di mercato non limiti l’immediata efficacia delle licenze obbligatorie rilasciate dagli Stati membri;

● introdurre obblighi legali per i beneficiari dei fondi UE di condividere la conoscenza relativa alla tecnologia sanitaria sul COVID 19, proprietà intellettuale e / o dati in un pool su brevetti e tecnologia;

● introdurre obblighi legali per i beneficiari dei fondi UE in materia di trasparenza in materia di contributi pubblici, costi di produzione, nonché clausole di accessibilità combinate con licenze non esclusive.

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per offrirti un migliore servizio. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi