Apro il PC, vado su facebook e improvvisamente compare un avviso dove mi viene comunicato che a momenti verrà rimosso un mio post perché è contro la politica di facebook in quanto offensivo per una persona.
Incredulo, non mi è mai accaduto e anche nella polemica politica sto attento a non offendere nessuno, vado a vedere quale post offensivo ho mai pubblicato. Scopro che si tratta di un post del 14 agosto 2017 (7 mesi fa !!!) che conteneva la poesia “Dedicato a te, onorevole Minniti” nella quale si descrive la tragica morte e le violenze subite da alcuni giovani africani finiti nei “centri di accoglienza” del nord Africa in attesa di tentare l’attraversata del Mediterraneo per raggiungere il nostro Paese e si critica la politica del pugno di ferro perseguita dal ministro Minniti.
Nessun insulto, solo il racconto di giovani vite spezzate e una critica politica.
Ma si avvicinano le elezioni, Minniti è tra i candidati più gettonati per l’incarico di primo ministro in un ipotetico governo PD-Forza Italia; ne consegue che non è più possibile criticarlo, è sopra la legge e al di sopra della Costituzione che tutela la libertà di parola.
Una censura che ricorda periodi che il nostro Paese ha già vissuto. Non permetteremo mai che quei tempi possano ritornare.

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per offrirti un migliore servizio. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi